AFASIA - ICTUS

 

L'ictus cerebrale (letteralmente ‘colpo’) è una lesione cerebro-vascolare causata dall'interruzione del flusso di sangue al cervello dovuta a ostruzione o a rottura di un’arteria. Quando un'arteria nel cervello scoppia o si ostruisce, fermando o interrompendo il flusso di sangue, i neuroni, privati dell'ossigeno e dei nutrimenti necessari anche solo per pochi minuti, cominciano a morire.
Come un attacco di cuore, l'ictus può colpire improvvisamente, spesso senza preavviso  e senza dolore.


È la terza causa di morte e la prima causa di invalidità al mondo.

Riconoscere i segni del, ictus è fondamentale perché bisogna intervenire il  più velocemente possibile . Infatti esiste una terapia, chiamata rTPA, ch, se somministrata entro 4.5 ore dall’ esordio dei sintomi, può ridurre la disabilità di molti tra i più comuni tipi di ictus. 
L rTPA ( attivatore del plasminogeno tissutale ) è la sola terapia approvata per la cura dell’ ictus in acuto !!


Se hai uno di questi sintomi chiama il 118!! 


tabella1

Gli ictus sono causati da ischemia (ictus ischemico) o da emorragia (ictus emorragico). 

Quali sono le forme più frequenti di ictus e quali sono i soggetti più colpiti? 
i.    L'ictus ischemico rappresenta la forma più frequente di ictus (80% circa) ed è più frequente nei maschi con età media ampiamente superiore ai 70 anni,
ii.    le emorragie intraparenchimali riguardano il 15%-20% e si pongono in una posizione intermedia tra la prima e la terza forma.
iii.    le emorragie subaracnoidee il 3% circa e colpiscono soprattutto le donne in età più giovanili (età media tra 48 e 50 anni).



1.    Ictus ischemico 
ictus ischemico

L’ ictus ischemico si verifica in circa l’ 80% dei casi.
Noto anche come ictus trombotico o trombosi cerebrale, si genera quando, all'interno di una arteria cerebrale, si forma un coagulo di sangue, il trombo, che restringe il vaso sanguigno. Questo processo può interrompere completamente il rifornimento nutritivo all'area cerebrale irrorata dall'arteria che si è occlusa. I trombi si formano molto spesso in vasi sanguigni danneggiati dall'aterosclerosi, una patologia nella quale le sostanze grasse si depositano sulle pareti arteriose riducendo gradualmente il flusso ematico. In altri casi un coagulo di sangue, l'embolo, che si è formato in un'altra parte del corpo, solitamente nel cuore, può immettersi nel flusso sanguigno e arrivare a ostruire un’arteria cerebrale di calibro leggermente inferiore alle dimensioni dell’embolo stesso.
L infarto cerebrale silente o “ ictus silenzioso” è una lesione cerebrale causata probabilmente da un coagulo che interrompe il flusso di sangue nel cervello . E’ un fattore di rischio per un ictus futuro perché potrebbe portare ad un danno progressivo del cervello dovuto a questi piccoli ictus ( demenza vascolare) 

2.    Ictus emorragico
ictus_emorragico

L’ictus emorragico è il risultato della rottura  della parte di un vaso “ debole” che si rompe e sanguigna nel cervello circostante. Il sangue si accumula e comprime il tessuto cerebrale intorno. Rappresenta solo il 15% di tutti gli ictus, ma è il più grave e potenzialmente fatale, perché si verifica quando  appunto un’arteria cerebrale si rompe. 
Le cause possono essere diverse: 
•    brusco aumento della pressione arteriosa (in questo caso si verifica spesso un’emorragia cerebrale) 
•    rottura di un aneurisma, cioè di una porzione della parete di un'arteria malformata 
•    alterata coagulazione del sangue, per esempio in seguito a trattamento con farmaci anticoagulanti. 
Ci sono due tipi di ictus emorragici: 

a)    l’ emorragia intracerebrale


L’emorragia intracerebrale non traumatica è abitualmente causata dall'ipertensione arteriosa o dall'angiopatia amiloide (malattia della parete dei vasi), ha un esordio acuto e si manifesta con gravi disturbi neurologici focali, spesso associati a perdita di coscienza.

b)    l’emorragia subaracnoidea


L’emorragia subaracnoidea (ESA) è la presenza di sangue nello spazio subaracnoideo (spazio tra il cervello ed il suo rivestimento esterno). L'ESA spontanea (non traumatica) è dovuta nell'85% dei casi alla rottura di un aneurisma (cioè la dilatazione di un vaso arterioso). 
I sintomi che permettono di sospettare la diagnosi di ESA, che va comunque confermata con gli esami strumentali, sono:
1.    cefalea: improvvisa (a "scoppio", o con acme in pochi secondi), intensa, mai sperimentata in precedenza, diffusa;
2.    vomito: accompagna l'inizio della cefale
3.    rigidità nucale, fotofobia,spesso presente per alcuni giorni, associata a facile irritabilità,
4.    perdita di coscienza, che si verifica in circa il 60% dei pazienti all'esordio o poco dopo l'esordio dell'ESA.
L ‘ ictus emorragico capita quando la parete di un vaso si rompe. Ci sono due tipi di “ debolezza della parte del vaso” che possono rompersi e dare emorragia:
•    gli aneurismi (vedi in appendice 1 aneurismi) e 
•    le malformazioni arteriovenose (MAV) (vedi in appendice 2 MAV). 

3.    TIA , attacco ischemico transitorio
tia


Spesso chiamati “ mini stroke “ questi segni di ictus , sono dei “ campanelli d’ allarme” e devono essere presi molto seriamente.
Il TIA è causato da un “ coagulo temporaneo”che ostruisce un arteria,  la sola differenza tra ictus e TIA è che il “ blocco dell’ arteria ” è temporaneo.
I sintomi del TIA si verificano molto velocemente e durano un tempo breve. ( da pochi  minuti  ad un ora)  Contrariamente all’ ictus il TIA non lascia danni al cervello 
(NOTA: Perchè alcuni coaguli si dissolvono ed altri no?  Il corpo umano possiede degli agenti che “ dissolvono i coaguli   “. I coaguli si dissolvono, ma quale sarà il danno dipende da quanto tempo il coagulo rimane  nel sito di occlusione  . Non c è un modo per predire quando un coagulo si dissolve  da solo, il tempo è un  fattore importante.)
I segni e sintomi del TIA sono gli stessi dell’ ictus:
Sebbene la maggior parte degli ictus non sia preceduto da un TIA , circa 1/3 dei pazienti che ha avuto un TIA ha un ictus entro un anno. Il TIA è un campanello d allarme e da la possibilità di prevenire un eventuale ictus 
Riconoscendo i segni di un TIA  e raggiungendo l’ospedale in tempi brevi, il paziente potrà essere valutato dai medici , si può identificare la causa del TIA ed iniziare un trattamento adeguato, medico o chirurgico (esempio una stenosi critica della carotide ) che può prevenire un ictus più severo 
Il messaggio è :  

L’ ICTUS ED IL TIA SONO EMERGENZE MEDICHE 
•    Se hai un sintomo di ictus chiama il 118 e vai in ospedale per essere valutato.
•    Non aspettare che il sintomo passi da solo!!!!!!!!
•    Una cosa è importante da ricordare:   Ogni momento perso , è un “ neurone perso, un pezzetto del nostro cervello che muore!!!